Play-Asia.com - Buy Games & Codes for PS4, PS3, Xbox 360, Xbox One, Wii U and PC / Mac.

Dragon: Brandon Cronenberg torna alla regia

In Dragon il regista canadese si cimenta con un thriller fantascientifico, ambientato nello spazio

Il nuovo film di Brandon Cronenberg è Dragon, da lui scritto con Dan Abnett fumettista Marvel (Guardiani della Galassia).

Brandon, figlio del regista culto David Cronenberg, ha esordito nel 2012 con il suo horror Antiviral.

Parlando di questo nuovo progetto, Cronenberg  lo ha definito “legato al genere di tradizione fantascientifica allucinogena, come l’adattamento di un immaginario racconto di Philip K. Dick”.

Cronenberg si è detto entusiasta di lavorare con Abnett per esplorare insieme i “piaceri dell’horror spaziale in un universo satirico e al contempo psicotico”.

Dragon è ambientato in un futuro prossimo in cui la società è cambiata radicalmente in conseguenza della scoperta di una forma di vita organica alla deriva nello spazio. La sua biochimica aliena è stata trasformata per creare una droga incredibilmente redditizia. Una specie di oppiaceo delle masse. La storia segue un capitano di una nave spaziale e il suo equipaggio, mentre danno la caccia a questi “Draghi” nello spazio profondo, cercando di assicurarsi un futuro confortevole.

L’inizio delle riprese è stato stabilito a metà 2018. Produttori la Independent Shooting di Luc Roeg (Spider, …e Ora Parliamo di Kevin) e Prospero Pictures di Martin Katz (Spider, Cosmopolis). Coproduttori la U.K.-Canada con il supporto della Telefilm Canada.

Il produttore Philip Herd, della Independent, ha dichiarato che la compagnia sta già valutando il potenziale dietro il mondo di Dragon. La Independent infatti sta discutendo con alcune compagnie di VR per la creazione di contenuti correlati a Dragon.

Il mondo che Brandon e Dan stanno creando è incredibilmente ricco. Vi sono immense opportunità per continuare ad esplorarlo.

Ha spiegato Herd.

Mentre la narrazione cinematografica è il nostro obiettivo, stiamo valutando come potremmo lavorare su media complementari per supportare il nucleo del lavoro cinematografico.

Commenta questo articolo