Gamescom 2019: The Aftermath

Siamo stati alla fiera tedesca dedicata al mondo del gaming, ecco cosa ci ha lasciato!

Nel panorama coloniese di questa estate abbiamo partecipato alla Gamescom 2019, potendo avere un breve scorcio di ciò che è il futuro del mercato videoludico prossimo e remoto. Già si è parlato dei titoli in cantiere più famosi, ed ormai la fiera è un ricordo della stagione estiva che sta finendo, ma cosa ci ha davvero lasciato questo evento?

Conferme e sorprese

Sul posto abbiamo potuto visitare l’intera location, pregna dei titoli in via di sviluppo e di prossima uscita così come diversi stand dedicati al merchandise ed alle novità della tecnologia. Gli sviluppatori più importanti hanno messo in mostra il meglio del proprio titolo di punta, arrivando a creare delle vere e proprie coreografie ai propri stand – vedasi Darksiders Genesis, con tanto di Strife e Death presenti sul palco – o con iniziative coinvolgenti quali quelle promosse dagli stand di Dragonball, con fini prettamente promozionali. Il tutto, comunque, è stato più che trattato in svariati articoli nelle scorse settimane, mentre il focus di questo articolo sarà cosa la Gamescom ha consegnato che faccia parlare di sé anche dopo il termine dell’evento. Vedremo quindi quali sono state dunque le promesse mantenute e quelle inaspettate, e quali i dubbi che permangono.

Borderlands 3

A poco tempo dall’uscita ufficiale, parliamo dunque di quanto ci ha anticipato il titolo di Gearbox rispetto a quello che abbiamo tra le mani. Partendo dalla solida base dei suoi predecessori, la demo provata ha dato a intendere che Borderlands 3 è il classico loot shooter che conosciamo rifinito nei dettagli e ampliato, con l’esperimento riguardante le nuove classi, non più incastrate sui canoni dei primi due capitoli ma rimescolate tra loro, in modo da variare i classici ruoli in un mix più interessante.



Anche il gunplay è rimasto lo stesso, ma viene esplorato più in profondità con varie meccaniche nuove e le abilità a tempo personalizzabili secondo le proprie preferenze. Non resta che attendere la recensione per scoprire fin dove si sarà spinto!

Pokémon Spada e Scudo

Il nuovo lavoro di Game Freak invece non porta grandi novità, ma succose conferme: quanto visto in fiera infatti non è altro che la demo in cui si affronta la prima “palestra” e la capopalestra Nessa. A conti fatti, il sistema funziona e anche le Gigamax sembrano strumenti validi e bilanciati nelle nuove lotte, aggiungendo un pizzico di tattica che le Mega evoluzioni faticavano ad ottenere, non avendo limiti temporali. Il comparto grafico risulta inoltre ottimo su Switch classica, ma bisognerà vedere se anche Lite sarà in grado di mantenere il ritmo – cosa che ci auguriamo. Per il resto, comunque, bisognerà attendere il rilascio ufficiale per poter dire di più.

Felix the Reaper

Un ultima menzione va a questo strano indie prodotto da Kong Orange, che ci mette nei panni di un impiegato della Dannazione, a cui spetta il compito di portare a termine le morti più disparate. Felix è un mietitore tutt’altro che classico, partendo dall’aspetto stravagante e dalla colonna sonora underground che si porta appresso nei vari lavori. Il tutto condensato in un puzzle game ragionato secondo una buona curva di apprendimento, con regole precise da rispettare e tanto coinvolgimento. Sicuramente un prodotto che vedremo con molto gusto sulle nostre pagine, date le aspettative già alte!

Alla fine della fiera

Chiaramente l’evento non si condensa in questi tre titoli, ma è stato pregno di espositori e contenuti che hanno presentato molto più di quanto citato in questo articolo. Monster Hunter World: Iceborne, Dragonball Z: Kakarot, Cyberpunk 2077, così come una nutrita orda di indie sarebbero da trattare più nel dettaglio, ma ciò che questa Gamescom ha voluto comunicarci è soprattutto che la passione degli sviluppatori cresce di pari passo con la tecnologia che rappresentano, facendo così evolvere il settore videoludico ad un livello sempre più elevato. Ansiosi delle successive edizioni e del prossimo futuro, vi invitiamo a seguirci per restare aggiornati sulle bombe in arrivo!



Commenta questo articolo