SCEJA 2015: riepilogo della conferenza

Una Sony in gran forma, ma non smagliante

gravity_rush_2_game-1920x1200

Ieri mattina Sony Computer Entertainment Japan Asia (SCEJA) ha tenuto una conferenza pre-Tokyo Games Show dove ha sostanzialmente fatto un sunto della situazione attuale del mercato giapponese. Playstation 4 non vende esattamente come dovrebbe in patria, colpa forse della grande diffusione di dispositivi mobile e console portatili. Non sorprende infatti come il colosso giapponese abbia, in un certo senso, reso proprio Playstation VITA la vera protagonista della conferenza, rendendola attivamente partecipe delle numerose produzioni in via di sviluppo con gli studi Third Party.

Tuttavia, Sony è riuscita anche nella grossa impresa di chiudere una volta per tutte “i rubinetti” a Playstation VITA con una singola mossa che ormai tutti avevamo percepito nell’aria dopo un silenzio durato due anni. L’atteso Gravity Rush 2 è stato infatti annunciato, ma non uscirà più su Playstation VITA come inizialmente rivelato due anni fa al Tokyo Games Show, ma sarà disponibile su Playstation 4 assieme al porting in alta definizione del primo episodio. Una scelta del genere non è certamente lasciata al caso e infatti per tutta la conferenza Sony ha cercato di ribadire i suoi ottimi rapporti con gli studi esterni presentando sequel o nuove IP pensate sia per PS4 che Playstation VITA. Nonostante un ritmo migliore di altre conferenze a cui siamo abituati, in cui spicca palesemente tutta la filosofia lavorativa e comunicativa del popolo giapponese, sono mancate le vere esclusive first party o persino grossi assenti sui cui avevamo scommesso la loro presenza, quasi scontata visto il continuo mormorio degli sviluppatori nel corso dei mesi passati. (Level 5 stiamo parlano proprio di te).

La conferenza tutto sommato è stata godibile, è come già ribadito, in parte è stata soddisfacente perché indirizzata a un pubblico nettamente diverso da quello occidentale, dove la comunicazione deve essere diretta e senza divagazioni di un certo tipo.

Il taglio di prezzo di Playstation 4

PS4-Price-Drop-JP-Ann_09-15-15

Come prevedibile, le difficoltà ad affermarsi sul mercato giapponese hanno costretto Sony a tagliare di ben 5,000 yen il prezzo di Playstation 4. Il prezzo attuale sarà quindi di 34,980 yen (circa 260 euro), e andrà in vigore dal 1 Ottobre in Giappone. Difficile dire se ci saranno dei risvolti del genere anche sugli altri territori, ma non mancheremo di aggiornarvi nel caso.

World of Final Fantasy – Trailer

13 Sentinels: Aegis Rim

13-Sentinel-PS4-PSV-Ann-Init

Il nuovo gioco di VanillaWare si intitolerà 13 Sentinels: Aegis Rim e questa volta esplora il mondo sci-fi. Pochi dettagli al momento, se non che le piattaforme di riferimento saranno PS4 e PSvita.

Danganronpa V3

Spike Chunsoft ha annunciato ufficialmente Danganronpa V3: Minna no Koroshiai Shin Gakki per Playstation 4 e Playstation VITA. Anche in questo caso non ci sono stati forniti dettagli sul progetto, ma ancora una volta un gruppo di studenti di una nuova scuola finiranno nelle grinfie malefiche di questo tenebroso “orsetto”.

One Piece: Burning Blood

Spike Chunsoft ha rivelato ufficialmente One Piece: Burning Blood, un picchiaduro ambientato nell’universo di One Piece che vedrà un roster composto per lo più da personaggi che hanno ricevuto particolari abilità dai Frutti Demoniaci. Il titolo uscirà su Playstation 4 e Playstation VITA.

The King of Fighters XIV

SNK Playmore ha annunciato ufficialmente The King of Fighter XIV per Playstation 4. Il titolo offrirà una grafica tridimensionale nuova di zecca e uscirà entro il 2016.

Yakuza Kiwami e Yakuza 6

Yakuza-Kiwami-Ann

I veri grandi annunci della conferenza sono stati indubbiamente Yakuza Kiwami e Yakuza 6. Il primo sarà un remake grafico del primo leggendario episodio uscito su PS2, e sarà disponibile su PS3 e PS4 dal 21 Gennaio 2016 in Giappone.

Il titolo avrà al suo interno un codice per poter scaricare una demo di Yakuza 6, il primo vero episodio della serie pensato appositamente per Playstation 4, in uscita durante la fine del 2016.

A seguire i link per le altre notizie che abbiamo già approfondito durante la giornata di ieri:

Commenta questo articolo