MINNI PRÊT-À-PORTER: Un’intera serie ambientata nel mondo dell’alta

MINNI PRÊT-À-PORTER. Il primo capitolo di questa avventura “confezionata su misura” è sul numero 3382 in edicola da mercoledì 16 settembre

Al via anche la collezione dei francobolli in metallo firmati da Giorgio Cavazzano dedicati a Paperino

Minni prêt-à-porter è il titolo della nuova serie che Topolino, il settimanale a fumetti più amato in Italia, dedica interamente a uno dei suoi personaggi più iconici: Minni. La storia, a puntate, prenderà il via sul numero 3382 in edicola da mercoledì 16 settembre e sarà l’inizio di un viaggio alla (ri)scoperta del carattere generoso, determinato e creativo del “lato femminile” di Topolinia, con lo spessore di ruolo che merita nel ricco universo a fumetti disneyano.



Il primo capitolo di quest’avventura nel mondo della moda, in uscita a ridosso della partenza della celebre fashion week milanese, si intitola Questione di stile ed è sceneggiato da Valentina Camerini e disegnato da Giada Perissinotto. Minni, alla ricerca di un aiuto per ultimare il suo vestito cosplayer da Principessa Sky, si rivolge alla sua amica e stilista emergente Betty, a sua volta impegnata nella preparazione di un abito speciale, quello per partecipare al concorso indetto dalla famosa attrice Fiona Top. La collaborazione reciproca, “cucita” con un filo di sagacia e intuito, può imbastire grandi risultati, ma nel mondo dell’alta moda a volte non è tutto oro quel che luccica, e gli sgambetti degli invidiosi per arrivare al red carpet sono da mettere in conto…

Ed è la stessa, elegante Minni che “sfila” con un abito speciale sulla cover del numero 3382 del settimanale disegnata da Giorgio Cavazzano. Il Maestro è anche l’autore della prestigiosa collezione di 8 francobolli in metallo dedicati a Paperino, che raffigurano l’eroe disneyano in compagnia dei suoi amici e parenti più cari, e che inizia questa stessa settimana: con il numero 3382 saranno disponibili il primo francobollo e il raccoglitore; la collezione proseguirà poi su Topolino 3383, 3384 e 3385 e su Paperino 484 (in edicola dal 30 settembre).



Commenta questo articolo