“Progetto: da una Lapide” – un “cadavere squisito” in graphic novel…[Foto] [Video]

cover

“Progetto: da una Lapide” – Un “cadavere squisito” in graphic novel.

Così definito -in maniera scherzosa- da uno degli artisti partecipanti, il “Progetto: Da una lapide” è una sperimentazione voluta da due ragazzi con la passione per la scrittura e la grafica.
L’idea nasce nel 2011, quando Federica Giulietti rispolvera un vecchio racconto -dalle particolari peculiarità- di Lorenzo Ramadoro.
Il racconto “Da una lapide” è una storia breve basata sulle testimonianze in prima persona di 8 diversi personaggi, ognuno dei quali narra una vicenda che li vede protagonisti incentrata sul monumento funebre di un personaggio molto importante.
La particolare stesura stilistica ha suscitato l’idea di creare una graphic novel con l’intento di affidare ogni brano ad un artista diverso, senza una guida stilistica precisa, in modo da indurlo a interpretare luoghi e personaggi nella maniera a lui più congeniale.
Questa azzardata scelta sottolinea come ogni persona rielabora con la propria soggettività una data versione dei fatti; quindi vedere, fra una storia e l’altra, gli stessi personaggi con fisionomie diverse, sarebbe divenuto il punto di forza della graphic novel.

I due autori hanno chiesto a 8 dei loro amici fumettisti di illustrare un brano ciascuno, lasciando loro totale libertà nella realizzazione del fumetto.
Ad ogni artista è stato concesso di esprimersi con lo stile che più lo rappresentava, realizzando un volume “0” eteregoneo che è stato autoprodotto grazie alla casa editrice on demand Youcanprint. (Qui è possibile scaricare un estrattohttp://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/narrativa/progetto-lapide-zero.html).
I due autori hanno richiesto dei pareri a delle case editrici specializzate in fumetti che, in generale, hanno apprezzato il lavoro e il concept ma criticato alcuni punti deboli che rendevano il volume non “fruibile” secondo i criteri di marketing. I due autori, non scoraggiandosi, hanno deciso di stilare delle regole “fondamentali” (che lasciano comunque agli artisti piena libertà di stile e interpretazione) per la ri-stesura del numero “1”, scegliendo 8 nuovi artisti che attualmente sono in lavorazione sul nuovo numero che verrà pubblicato a gennaio 2014.

alonso

Da questo volume partirà anche il progetto vero e proprio, infatti la storia andrà avanti con nuove testimonianze che verranno illustrate da altri 8 artisti nel volume 2, e così via. La scelta dei disegnatori per i successivi volumi verrà fatta secondo dei criteri di originalità dello stile, puntando a dare a ciascuno un piccolo spazio editoriale per farsi conoscere; il progetto si basa molto anche sull’autopromozione, si invitano infatti gli artisti stessi a fare delle presentazioni della graphic novel nelle loro città affiliandosi ad una libreria o fumetteria che fornirà i volumi per l'(eventuale) vendita.

dario

Ciò che ha spinto i due autori a creare questo progetto e investire nell’autopubblicazione è stato principalmente la voglia di creare qualcosa di diverso, di coinvolgere e conoscere nuove persone e di cercare di emergere e far emergere i talenti che molto spesso rimangono oscurati da autori più famosi. Ramadoro e Giulietti credono molto nell’autopubblicazione, nel crowfunding e nell’unione delle volontà di più persone per creare qualcosa di unico. Non mancheranno mai di ringraziare quindi i “pionieri” del volume “0” che hanno dato via al progetto: Alonso Rojas, Silvia Longinotti, Debora Ferretti, Dario Negro (CRStudio), Federica Cavalli, Daria Fanara e Duane Ceccarelli e gli autori del volume “1” attualmente in produzione: Giorgia Lanza, Simone de Paolis, Lorenzo Armezzani, Lorenzo Magalotti, Fabio Cioffi, Mauro Gulma, Vittorio Astone, Antonio Russo Tantaro.

httpv://youtu.be/TkSx9hrLhz8

Per maggiori info sul progetto:

lorerama.wordpress.com/collaboration/

Gruppo Facebook: 

www.facebook.com/groups/648186955211066/

Commenta questo articolo