Play-Asia.com - Play-Asia.com: Online Shopping for Digital Codes, Video Games, Toys, Music, Electronics & more

Dragon Ball GT (BOX 2): La recensione dell’edizione home video

Dragon Ball GT torna in home video con due cofanetti dedicati. Ecco la nostra recensione del BOX 2

Dopo la recensione del BOX 1, torniamo in piena clima festivo sulle pagine di CartoonMag per proporvi la nostra recensione del BOX 2 di Dragon Ball GT.

La serie animata è stata riproposta da Yamato Video per accompagnare l’uscita dell’edizione home video di Dragon Ball Super, e dato che abbiamo già analizzato dettagliatamente il primo BOX cercheremo di essere meno prolissi e più rapidi nella nostra analisi di questa seconda “tranche” di episodi.



Il BOX 2 è composto da 6 DVD per un totale di 28 episodi che andranno a coprire gli ultimi due archi narrativi di Dragon Ball GT: la saga di Sper C-17 e quella dei Draghi Malvagi.

Se la prima parte dedicata a Baby cercava di riprendere quelle atmosfere avventurose e più spensierate della primissima opera di Akira Toriyama, in questi 28 episodi Dragon Ball GT cambia ancora rotta e decide di allinearsi allo shonen più puro alternando dialoghi e tante scazzottate. Il problema in generale è la scrittura dei personaggi, resi dei semplici spettatori molto secondari di una storia che vuole a tutti i costi celebrare la figura di Goku. La saga di Super C-17 si esaurisce abbastanza in fretta, e vanta alcuni dei peggiori momenti nella storia di Dragon Ball, con siparietti comici costruiti a tavolino che rovinano due dei migliori antagonisti dell’opera di Toriyama: Cell e Freezer, entrambi trasformati in macchiette fin troppo esasperate, e umiliate poi dallo stesso Goku.

Dragon Ball dal canto suo non è mai stato certamente coerente con sé stesso, ma il ritorno di C-17, e la presenza degli Androidi nel mondo degli inferi (che progettano a loro volta un nuovo androide) rendono tutto molto pretenzioso nei confronti dello spettatore sorvolando sulle regole che lo stesso Toriyama aveva evidenziato in precedenza.

Come possono gli androidi, esseri fatti di metallo, esistere in luoghi come l’inferno e il paradiso? L’arco narrativo dedicato alla saga dei Draghi Malvagi vuole essere una chiusura ideale del cerchio, celebra in modo evidente Goku e sfrutta certi momenti di pausa per proporci dei vecchi flashback. La riflessione di Vegeta sulla sua rivalità con Goku è uno dei migliori momenti (forse anche l’unico) di Dragon Ball GT ma fa crollare il personaggio come un castello di carte nel momento in cui cerca di raggiungere il livello del suo rivale con metodi esterni a quelli dell’allenamento.

Una caratteristica completamente esterna alla linea morale di un personaggio che per tutta la sua vita ha cercato di allenarsi duramente alimentato dalla sua rivalità con Goku. Dragon Ball GT poteva essere un prodotto di grande qualità, ma riesce ad esprimerle solo dal punto di vista tecnico (ottime le musiche e i disegni), e meno in termini di intrattenimento e narrazione.

I contenuti dell’edizione home video

Analogamente al BOX 1, l’edizione ripropone i master originali reduci delle versioni già pubblicate in VHS nel 1999: abbiamo quindi il vecchio ormato video 4:3 che sulle TV odierne non è certamente un bello spettacolo, ma purtroppo di Dragon Ball GT non esistono delle rimasterizzazioni in alta definizione native (quella di Funanimation è un pessimo upscaling). Per quanto riguarda i contenuti, troviamo le anticipazioni degli episodi (inedite in Italia) in lingua originale, le sigle di apertura e chiusura italiane di Giorgio Vanni, e le sigle in lingua originale. Il doppiaggio italiano ovviamente è quello storico lavorato da Merak Film, mentre per i puristi segnaliamo la presenza anche dell’audio in lingua giapponese.

Il form factory è il tradizionale cartonato che raccoglie il cofanetto con una cover a doppia facciata comodamente reversibile, sulla quale spiccano i personaggi più importanti della serie. All’interno un piccolo fascicoletto di 16 pagine con i riassunti dei vari episodi e i ritratti di alcuni protagonisti.

La serie viene proposta esclusivamente nel formato DVD, con un cofanetto esclusivo contenente i 13 dischi acquistabile su Amazon, oppure in due BOX separati.

Se siete interessati all’acquisto di seguito trovate i link Amazon:


Commenta questo articolo