Play-Asia.com - Play-Asia.com: Online Shopping for Digital Codes, Video Games, Toys, Music, Electronics & more

Justice League: Resoconto dall’anteprima romana. (Spoiler)

Justice League. Finalmente uniti, in un’unica battaglia, i supereroi DC. Ecco la nostra recensione in attesa dell’uscita il 16 Novembre

  • Titolo: Justice League
  • Regia: Zack Snyder, Joss Whedon
  • Nazione: USA
  • Cast: Ben Affleck, Henry Cavill, Amy Adams, Gal Gadot, Jason Momoa, Ezra Miller, Raymond Fisher, Willem Dafoe, Jesse Eisenberg, Jeremy Irons, Diane Lane, Connie Nielsen, J.K. Simmons
  • Uscita: 16 Novembre 2017

Spoiler

Bruce Wayne (Ben Affleck) è preoccupato. Superman è morto da tempo ed in varie parti del mondo svolazzano feroci umanoidi corazzati di metallo, dagli occhi rossi, denti aguzzi ed ali da libellula, che attratti dalla paura delle persone, si fiondano su di esse. Si tratta dei Parademoni, apparentemente comandati da Steppenwolf “dio dell’inganno e delle malefatte”, provenienti dal pianeta Apokolips.

Gli appassionati di misteri alieni non potranno fare a meno di notare l’analogia con l’Uomo Falena, presunta creatura inter-dimensionale che appare in prossimità delle catastrofi. Chissà se il regista, Zack Snyder, lo ha fatto di proposito.

Tre scatole metalliche sono gli oggetti del desiderio di Steppenwolf, che se assemblate danno inizio ad una sorta di apocalisse. Come racconterà Wonder Woman (Gal Gadot) nella notte dei tempi ci fu una grande guerra, in cui dei, semidei e mortali presero parte per sconfiggere questo dio malvagio ossessionato dal dominio dei mondi. Al termine del conflitto le tre scatole furono divise e date in custodia: una alle Amazzoni, una agli abitanti di Atlantide e l’altra agli Uomini. Il riferimento al Signore degli Anelli risulta alquanto ovvio.



Bruce comunica a Diana la necessità di costituire una squadra per cui è necessario contattare altre persone straordinarie.

Flash: il giovane Barry Hallen (interpretato da Ezra Miller), nella piena consapevolezza dei suoi poteri, con il padre in prigione, è solo con i suoi studi di meccanica quantistica. Non si farà pregare, accettando subito la proposta di salvare il mondo.

Cyborg: Victor Stone (interpretato da Ray Fisher) devastato da un incidente e riscostruito dal padre, in gran parte del suo corpo, con parti meccaniche di origine aliena. All’inizio è molto diffidente ed ancora non pratico dei suoi poteri. Sarà poi determinante nella ricerca delle scatole e nella loro separazione.

Aquaman: figlio regale di Atlantide, vive sulla terra ferma con il nome di Arthur Curry, è interpretato da Jason Momoa, che lo personifica più come il Dio Nettuno, piuttosto che il personaggio disegnato nel fumetto. Corpo possente e statuario, buono ma selvaggio allo stesso tempo, accorre nelle profondità del mare per impedire a Steppenwolf di recuperare la scatola, ma fallisce proprio come la regina delle Amazzoni prima di lui.

Radunati i membri della Lega della Giustizia, Batman è consapevole che il nemico è indistruttibile, occorre modificare i piani, occorre qualcuno con la forza di un dio!

La terza ed ultima scatola, custodita in un laboratorio segreto – prima di essere recuperata da Steppenwolf – servirà a dare una sorta di shock energetico al cadavere di Superman, recuperato da Flash e Cyborg dalla bara di Clark Kent (Henry Cavill).

Il redivivo Superman non è molto in sé e neanche molto disposto alla conversazione, ma Batman aveva previsto questa eventualità ed ecco tempestivamente apparire Lois Lane (Amy Adams), che con amore lo calma e lo fa incontrare con la madre.

A questo punto la Lega della Giustizia è completa e la fine di Steppenwolf segnata per sempre con la distruzione delle tre scatole.

Simpatica scena pre – titoli di coda con Flash e Superman che si sfidano in una gara di velocità.

Barbara Dil per cM



Commenta questo articolo