Gundam G No Reconguista sarà una pentalogia, prime reazioni dalla Japan Expo

Dalla Japan Expo arriva qualche dettaglio in più sulla compilation di film dedicata a Gundam G No Reconguista

Si è tenuta stamane a Parigi, durante l’evento della Japan Expo 2019, la proiezione in anteprima mondiale del primo film della compilation riassuntiva di Gundam G No Reconguista.

L’anime originale, diretto da Yoshiyuki Tomino per celebrare il 35° anniversario del robottone bianco, non ebbe molto successo, a causa di una scrittura spesso ermetica e confusionaria, che faticò a fare breccia nel pubblico, a differenza invece delle sue ottime atmosfere, il background narrativo ambientato in un futuro post-Universal Century e il character design di  Ken’ichi Yoshida.

Sunrise e Tomino vogliono quindi riprovare a lanciare questa sfortunata opera con una compilation che, stando alle rivelazioni in occasione della proiezione in anteprima, sarà composta da addirittura cinque film.

E proprio restando in tema, il portale di Gundamverse.it ha avuto l’opportunità di assistere alla proiezione, seguito da un breve commento postato sulla pagina social.

Dal messaggio, ma anche dai vari botta e risposta nei commenti, apprendiamo che il lavoro svolto da Tomino, qui sempre alla regia, esula dal semplice rimontaggio, ma si avvicina molto di più a quello di un remake, grazie alla presenza di nuovi dialoghi che rendono l’opera più coerente, l’azione meglio gestita, accompagnata da monologhi e flashback che aiutano finalmente lo spettatore a comprenderne ogni sfaccettatura.

Inoltre apprendiamo che il primo film, tradotto in Italiano, si intitola “Vai, Core Fighter!”.



Commenta questo articolo