The JackaL: Intervista a Ciro Priello durante il Capri Hollywood

Ciro Priello. Da Youtube al grande cinema, passando per il doppiaggio. Intervista ad uno dei componenti dei The JackaL durante il Capri Hollywood

Fonte foto: caprihollywood.com:
Massimiliano Gallo, Carolina Terzi, Enzo Gragnaniello, Marino Guarnieri e Ciro Priello.

Ciro Priello, nome d’arte di Ciro Capriello, è uno di quei scapestrati creativi e divertenti dei The JackaL, un gruppo di amici che, da semplici parodie beffarde e canzonatorie fatte tra di loro, sono diventati dei grandi artisti che con i loro video ironici e sarcastici hanno conquistato il pubblico italiano e la critica. A novembre scorso è uscito il loro primo film, AFMV -Addio fottuti musi verdi, riscuotendo un grandissimo successo al botteghino.

Abbiamo intervistato Ciro Priello al Capri Hollywood dove ha ricevuto due premi, il Best Animated Feature Award per aver doppiato una delle sorellastre nel film cartoon Gatta Ceneretola e il Capri Rising Star Award per i The JackaL.

Com’è andato il film? Ha soddisfatto le vostre aspettative?

Il film è andato molto bene. Era abbastanza difficile imporsi con un’opera prima, però siamo contenti di come sia andata, considerando che, avanti avevamo maestri d’eccezione come Paolo Genovesi, con The Place che è uscito nello stesso periodo. È stata una bella produzione e ci ha soddisfatto appieno, sia per quanto riguarda la critica sia al botteghino.

Avete arricchito la sceneggiatura prendendo qualcosa dai vostri famosi vecchi video…

La sceneggiatura si regge completamente sulle proprie gambe, ciò che è riconducibile a qualche video passato dei The Jackal è stato un omaggio fatto alla nostra community che ci segue da tantissimo tempo, tolto quello, il film era in pratica fruibile anche da chi non conosceva i The JackaL.

Vi è stato commissionato da qualcuno che ha voluto fortemente un film dai The JackaL?

Volevamo scrivere una storia che ci rispecchiava e ci apparteneva tantissimo. Abbiamo cercato di fare un film che volevamo e non un film che ci volevano far fare. Aver raccontato una storia a noi vicina e con il nostro linguaggio è una cosa che ci ha dato, già in partenza, tantissima soddisfazione. E l’aver avuto la produzione di Cattleya che ci ha seguito in questo nostro desiderio, è una cosa che ci ha riempito di orgoglio.



Com’è nato il fenomeno The JackaL?

Il fenomeno The JackaL nasce dalle scuole medie, con me, Simone Russo (Simone Ruzzo) e Francesco Capaldo (in arte Ebbasta), iniziato tutto come un gioco. Con l’avvento dei social e di società che ci hanno supportato come gruppo media Ciaopeople, siamo diventati una vera e propria srl. Così abbiamo cominciato a produrre contenuti per il web, per la tv e per il cinema. È iniziato tutto per passione con la voglia di raccontare storie e abbiamo continuato a farlo anche dopo le scuole medie.

State preparando qualche personaggio nuovo?

Ti dico di sì, nel senso che cerchiamo sempre di raccontare storie nuove sfruttando personaggi nuovi. Il nostro lavoro è sempre in costante crescita, però non ti spoilero niente.

Solo per capire se introdurrete, ad esempio, qualche attore che possa fare delle imitazioni di personaggi noti…

Le imitazioni o a volte i video che prendono spunto da fenomeni tipo Gomorra, sono cose che noi facciamo per divertirci e raccontare, nel caso degli effetti di Gomorra la serie, era più uno smontare un po’ quel mostro che si era creato attorno all’attenzione verso un prodotto di finzione che, ricordiamo, è sempre un prodotto di finzione, volevamo, quindi, un po’ alleggerire il tutto. A questo si era unito anche il problema che molte persone veramente cominciavano a parlare “gomorrese” e così abbiamo voluto giocare su questo, però il nostro lavoro è soprattutto altro, ovvero realizzazione di branded content, produzioni esecutive e interne, insomma, siamo una produzione a tutto tondo.

Molti artisti vogliono partecipare ai vostri video, una corsa al “voglio esserci assolutamente”. C’è qualcuno che, invece, avete contattato e ha rifiutato?

Devo essere sincero, fino ad ora, non credo sia mai capitato. Fa sempre piacere che, personaggi importanti del mondo dello spettacolo, vogliono lavorare con noi, fa capire quanto siamo apprezzati. Non è capitato ancora qualche no, sicuramente potrà accadere un giorno, anche perché non possiamo piacere a tutti. L’importante è fare sempre cose che ci divertono.

Cosa vi aspettate dal 2018?

Termostato!

Intervista di Nicola Garofano



Commenta questo articolo