Arrivano gli Shinigami Squad ost cover band

CartoonMag presenta gli Shinigami Squad ost cover band: loro sono Neko (Batteria), Fabio (chitarra), Marco (bassista), Emilio (chitarrista), Kana-chan (cantante) e Dom (cantante-pianista).

Benvenuti a cartoonMag Shinigami Squad, potete presentarvi ai nostri lettori?

Neko: YO! Siamo gli Shinigami Squad, un’anime ost cover band italiana estremamente energica!! Siamo nati (in realtà morti) per dare la possibilità agli appassionati di J-Rock e di anime di poter ascoltare le loro canzoni preferite direttamente Live in Italia, tutte in un’unica serata! Oltre a questo c’è da dire che noi ci divertiamo un mondo mentre suoniamo! Ci sentiamo vivi rispetto ad una cultura musicale italiana ormai morta!

Come avviene la nascita degli Shinigami squad?

Neko: Caso?! Destino?! Chi lo sa… Ero solo un gattino abbandonato in una scatola di cartone… Su di essa avevo scritto: cercasi componenti per formare una anime ost cover band. La gente mi ignorava, ero ormai disperato e stavo morendo di fame…quando una speranza, Fabio, il chitarrista della band, mi diede coraggio (e anche una buonissima scatola di croccantini) per continuare la mia ricerca! Assieme ci siamo impegnati per trovare gli altri membri che tutt’ora fanno parte della band!

 

Sappiamo che siete appassionati di Bleach, Death Note, Soul Eater, quali sono i vostri personaggi di manga e anime  preferiti?

Neko: Bella domanda! Ora faccio la lista: Yagami Light di Death Note, Black Star di Soul Eater, Lelouch di Code Geass, Onizuka di GTO, Kamina di Tengen Toppa Gurren Lagann, Fuuko di Clannad, Yui di Kanon2006, Asa di Shuffle!, Shana di Shakugan no Shana, Taiga di Toradora, Louise di Zero no Tsukaima, Popular di Working!, Heiwajima Shizou di DURARARA, Roy Mustung di Full Metal Alchemist, Konata di Lucky Star, Haruhi Suzumiya di Haruhi Suzumiya no Yuutsu, Yamada di B Gata H Kei, ecc.

Emilio: Anni ’80 a manetta: Vegeta, Devilman, gli Yattaman, Crystal e Daltanius!!! Anche se quest’ultimo col senno di poi ho scoperto che è stato finanziato da qualche frangia fascista probabilmente, perchè è pieno di messaggi subliminali…resta comunque il mio robottone preferito!! Ken Shiro all’epoca mi faceva piangere, Ranma 1/2 era troppo femminile per i miei gusti assetati di sangue (anche se ora l’adoro). Per quanto riguarda gli anime direi Mazzinga, Dragon Ball e gli Yattaman. Tutto ciò mi ha portato ad un progressivo misantropismo ed odio per il mondo fino alla tenera età di 15 anni…ma ne è valsa la pena.

Kana: Veramente né a me né a Marco piace Bleach,Death Note e nemmeno Soul Eater XD. Il mio anime e manga preferito è Dragon Ball e Goku è il mio personaggio preferito poichè e super figo, potentissimo e ha dei forti principi morali.

Il vostro repertorio passa da J-Rock al Visual Kei, quali sono le vostre esperienze musicali e fonti di ispirazione?

Emilio: Dall’età di 10 anni  sono entrato in un tunnel senza via d’uscita chiamato Rammstein…per il resto ascolto di tutto, ma veramente di tutto. Fonti d’ispirazione principali direi Beethoven, Wagner, Charlie Parker, Frank Zappa, Robert Fripp, Mike Patton…chiunque sia stato capace di andare oltre il già pensato ed il già sentito. Non mi piace parlare di generi quando si tratta di musica…penso che riducono il cervello ad un supermercato: sai già cosa trovare e dove trovarlo. E, cosa ancora più deleteria, non permettono di esprimerti e capire chi sei…è un concetto nato per chi vende musica e io glielo cedo più che volentieri.

Neko: La mia prima band è stata una band scolastica, mi ci sono ritrovato quasi per caso; ero un batterista alle prime armi, ma avevo tanta voglia di suonare in un gruppo! Così chiesi ad amici e compagni di classe se conoscessero musicisti e da lì nacque tutto. La partecipazione al concorso nazionale di Rieti per band scolastiche di tutta Italia, il Festival Studentesco organizzato dalla provincia di Bolzano, il saggio di fine anno. Tutto finì con l’ultimo anno di liceo, con la mia morte e la mia chiamata al seguito degli shinigami. Più che Visual Kei, di cui estrapoliamo solamente il concetto e la filosofia durante le nostre esibizioni live, personalmente sono più attratto dalle sonorità e dalla struttura dei brani J-Rock. Particolare importanza nel mio background musicale ha avuto inoltre Mike Portnoy, ex batterista dei Dream Theatre, e ovviamente la batterista dei Maximum The Hormone che stimo da morire!

Kana: Io mi ispiro principalmente alle Berryz Koubou e le Buono! Diciamo a Hello Project! Sopratutto a Miyabi Natsuyaki che è bellissima *.*

httpv://www.youtube.com/watch?v=Fdo2xzakfPs

La scelta di cantare i testi in lingua giapponese o inglese, come mai? E quali sono le difficoltà riscontrate?

Kana: Cantare le canzoni in lingua originale fa più figo ma si incontrano diverse difficoltà poichè i cantanti giapponesi hanno una voce estremamente acuta, per questo ci stiamo continuamente impegnando nello studio del canto, anche per cercare di evitare qualsiasi critica da quelle persone che non conoscono la reale difficoltà delle canzoni che eseguiamo!

Quali sono le sigle, colonne sonore e cover di cartoni animati che vi chiedono con più frequenza ai vostri live?

Kana: Le canzoni che spaccano di più, per esempio Zetsubo Billy!

Neko: Zetsubou Billy e Saint Seiya! Anche altre canzoni che non sono entrate ancora nel nostro repertorio ma che presto saranno presenti: l’opening di High School of The Dead, Red Fraction di Black Lagoon e molte altre…

Il cosplay: come mai la scelta di vestire i panni di personaggi tratti da anime, manga e cartoon? Cosa rappresenta per voi fare cosplay?

Neko: In accordo con la teoria della possessione di Holdings che si riflette anche in ambito musicale quando i nostri piedi si ergono sul recinto divino, nel nostro caso il palco; esibirci in cosplay non è certo solamente un effetto scenico, ma ricopre enorme importanza per (quasi) ognuno di noi. Si ritorna così ad una forma originaria del “se stesso”, si ritrova un proprio “io” perduto, magari accantonato nella routine di tutti i giorni ma sempre presente quando suoniamo. La nostra è una continua ricerca di trasformazione, soprattutto attraverso il cosplay. Ci si avvicina sempre di più al primordiale rapporto tra uomo e natura, che purtroppo in quest’epoca di consumismo, materialismo e capitalismo, viene spesso dimenticato.

Emilio: A questo proposito ho una risposta meno filosofica! Non essendo un gran consumatore di anime ho cercato di crearmi un personaggio…anche perchè sono allergico alle parrucche e per piastrare i capelli dovrei ricorrere per forza di cose al cemento…

Kana: A me e Marco ci hanno costretti!!!

httpv://www.youtube.com/watch?v=1lGCDFCGNDY&feature=share&list=UUFXAA_FQcbK2uvqNVrk_nNQ

Che rapporto avete con al tecnologia? Che ruolo rivestono social network, siti web anche in relazione anche al vostro rapporto con i fan?

Neko: attualmente sto scrivendo utilizzando 2 schermi LCD, mi diletto spesso nel montaggio di video; AMV per i live e modifico i video dei nostri concerti per enfatizzare meglio l’energia della nostra esibizione e dare un tocco in più alle riprese. Utilizzo spesso Photoshop e mi piace fotografare con la reflex digitale, conosco bene tutti i sistemi windows sin da quando avevo 8 anni, e anche se non ho mai imparato a programmare, ho risolto gravi problemi del mio pc di casa, anche problemi di hardware, senza l’aiuto di nessuno; direi che ho un buon rapporto con la tecnologia 😀 I social network prima di aiutarci nel farci conoscere, ci semplificano la vita nell’organizzarci, scambiarci informazioni, idee, e proposte. Facebook in particolare è molto utile e si presta bene alle nostre necessità! Inoltre è veramente bello interagire con i fan in modo diretto e soprattutto è stupendo vedere il viso delle persone a cui piace la nostra band e la nostra idea.

Kana: Io e la tecnologia viviamo in due universi paralleli, per questo lascio fare tutto agli altri membri della band. Ho solamente un account youtube per mettermi meglio in contatto con i fan e le persone di tutto il mondo.

 

Quali sono i vostri prossimi impegni?

Emilio: Al momento ci siamo presi una pausa dai concerti per produrre. Una volta ampliato il repertorio e migliorato la qualità del nostro spettacolo cercheremo nuovi palchi da distruggere!! In realtà ci sarebbero altre idee in progetto…ma shhhhhhhhh non ditelo a nessuno!

Volete salutare o ringraziare qualcuno?

Kana: Un sentito grazie va alla fidanzata di Neko che per me è una sorellona e ai miei amici che quando possono vengono sempre ai miei live. Ringrazio anche mia madre e mio padre che mi aiutano a pagare le prove e tutte le altre cose.

Neko: Ringrazio di cuore la mia ragazza per il supporto che ogni volta dà alla band: aiutandoci nel trasporto degli strumenti, registrando i nostri live con la videocamera e offrendoci supporto tecnico con il suo pc nella proiezione degli AMV mentre noi ci esibiamo! Ringrazio il caso, senza il quale questa band non si sarebbe mai formata; i miei genitori che mi supportano e mi sopportano in questa strampalata avventura; infine ringrazio tutti i fan e le persone che si interessano al nostro progetto!

Emilio: Chi ci supporta, chi ci sopporta e in particolar modo chi non ci sopporta!!! E, ovviamente, anche voi che ci avete concesso questa intervista!

httpv://www.youtube.com/watch?v=W4hsvo7melc&list=UUFXAA_FQcbK2uvqNVrk_nNQ&index=4&feature=plcp

 

Intervista a Veronica Lisotti

Commenta questo articolo