Fortnite, chiusi i server in Cina: addio al gioco

Una brutta notizia per i fan cinesi di Fortnite. È appena stato annunciato che ò’esperienza in Cina del popolare gioco è finita. Gli utenti del videogame online sviluppato da Epic Games hanno confermato l’inaccessibilità al server.

Fonte foto: gds.it

La stessa società, agli inizi di novembre, aveva comunicato l’intenzione di spegnere il server che ospita il gioco in Cina, impedendo da subito agli utenti anche la possibilità di aprire nuovi account. Per i fan di videogame del Dragone si è trattato di un’altra brutta notizia, parte della repressione che le autorità nazionali hanno lanciato contro il settore, con i funzionari di Pechino che a fine agosto avviarono la campagna contro la dipendenza degli adolescenti.

La conferma arriva questa volta direttamente da Epic Games: i server cinesi di Fortnite sono stati spenti e per i ragazzi cinesi l’avventura termina qui. Succede in conseguenza diretta delle nuove normative che il governo cinese ha approntato per combattere la dipendenza dai videogiochi per le nuove generazioni.

Il governo cinese aveva attuato una iniziativa simile per quanto riguarda le criptovalute e i casinò online, tra cui tutti i casino online della Playtech.

Fortnite, è addio Cina

La decisione era ormai nell’aria, non a caso la legge è stata annunciata tempo fa, con una stretta che in occidente non può che essere guardata strabuzzando gli occhi. Il Governo ha deciso che ai minori è concessa soltanto un’ora di gioco, tra le ore 20 e le 21, esclusivamente nei giorni di venerdì, sabato, domenica e festivi. Al di fuori di queste limitazioni non sarà possibile proseguire. Il login deve infatti avvenire esclusivamente con il proprio nome reale, dunque con forme specifiche di controllo. Così la National Press and Publication Administration cinese ha spiegato la decisione, indicando la dipendenza dai videogiochi che ha portato a un cambio di vita negativo negli adolescenti. Ecco le loro parole:

“da tempo l’abuso di giochi online da parte dei minori è diventato un problema importante, che ha un impatto negativo sulla vita normale, sull’apprendimento e su una sana crescita. Tutta la società, in modo particolare i genitori, hanno risposto con forza. Al fine di rafforzare ulteriormente tali provvedimenti, si chiede di impedire risolutamente ai minori di dedicarsi ai giochi online al di fuori delle seguenti restrizioni”.

Ovviamente non è una decisione presa su due piedi, ma un lungo ragionamento che parte dal principio, da quando Fortnite è approdato in Cina. Un rapporto travagliato fin dagli arbori: nonostante la partecipazione di Tencent, nonostante i continui tentativi di edulcorarne i contenuti ed i messaggi, nonostante la volontà di aderire alle indicazioni locali pur di penetrare il mercato, non c’è stata mai vera apertura. Quello che era considerato ad oggi ancora una sorta di beta test è stato stroncato dall’ennesimo giro di vite e per Epic Games non resta altra soluzione che la ritirata.

Cos’è Fortnite

Fortnite è un videogioco sparatutto in terza persona del 2017, sviluppato da People Can Fly e pubblicato da Epic Games per console e PC. Il gioco presenta tre modalità distinte che condividono lo stesso motore grafico: Salva il mondo, Modalità creativa e Battaglia reale.