Le Canne di Sampei, spettacoli di musica e cosplay

 

La band nasce nel lontano 2000, com è nata l’idea di fondare un gruppo e a cosa si deve il nome Le Canne di Sampei?

A dire la verità la band si è formata nella sua versione “acerba” nel 2001, nel 2004 abbiamo fatto un altro passettino e infine nel 2006/7 abbiamo costituito il gruppo attuale; è vero però che l’idea era dentro di noi da anni, lustri persino, si è alimentata e ad un certo punto è sbocciata dentro di noi, che ancora non ci conoscevamo tutti, ma inseguendo le insondabili onde del destino (da non confondersi con quelle energetiche) siamo riusciti a trovarci e a mettere in piedi queste “Canne”…

Il nome deriva ovviamente dal celebre ragazzo pescatore dei cartoni animati, e non stiamo qui a raccontare quanto sia importante l’argomento “pesca” in un contesto provincial-lacustre come quello di Mantova… In realtà non ce ne cale poi molto della pesca, mentre il gioco del doppio senso, presente anche nel testo della sigla di Sampei, ci si è presentato su un piatto d’argento carpito dal pronto intelletto del nostro valente bassista Maury, che ha coniato il nome tra i plausi e l’approvazione generale.

 

Che tipo di sigle proponete al pubblico?

Vorrei rispondere “quelle belle” ma devo ammettere che in realtà è un processo un po’ più complicato. Il repertorio è stato inizialmente costruito sulle canzoni che ci piacevano, quelle più rock, (i Robot, per intenderci  :-), ma il tempo e l’esperienza ci hanno poi fatto considerare anche dei grandi classici che, per un pubblico come il nostro, non era possibile escludere (quelle di Cristina D’Avena, sempre per intenderci). Cerchiamo però sempre di inserire in ogni concerto un paio di canzoni meno conosciute ma per noi bellissime, così che l’esibizione non sia solo “ricordo” ma anche “proposta”. Ad oggi però, facendo un piccolo “punto della situazione”, direi che il piacere di restituire al pubblico quella parte di giovinezza e di ricordi legati al mondo dei cartoni, suonando le sigle con i nostri spettacolini, ecco, quel piacere è il vero motore che ci spinge a continuare a proporci, indipendentemente da come vengono selezionate le canzoni.

 

Che genere di musica ascoltate?

La risposta più completa sarebbe del tipo “un po’ di tutto”, ma immagino che suoni un po’ vaga… Ovviamente, essendo in 8 se dovessimo elencare tutto ciò che ascoltiamo diventerebbe una lista del tipo “i 500 migliori album della storia della musica”, per cui ci limitiamo a dire che i binari comuni su cui scorre il trenino delle Canne è genericamente Pop‐Rock, con varie influenze che irraggiano da questo cuore condiviso.

 

Ognuno di voi ha una sigla a cui è particolarmente legato/a ?

Direi che per i maschietti vale la regola del Robot: le sigle dei robot (un po’ tutte) ci riempiono di genuino entusiasmo ancora oggi, sono frizzanti, rockeggianti, coinvolgenti, voglio dire: chi non ha mai desiderato salvare la Terra dai mostri invasori sulle note di quelle trascinanti canzoni?. Per le femminucce invece la faccenda è diversa, le eroine erano diverse e le canzoni pure… La salvezza della Terra era un aspetto secondario, mentre una sfumata e romantica storia d’amore godeva di particolare attenzione. Le sigle che sono rimaste nel cuore delle ragazze sono proprio quelle, più pop, più tenere, ma con un cuore musicale ben architettato che le ha fatte sopravvivere con forza fino ad oggi.

Giorgia: “La mie preferite sono Sandybelle e Daitarn 3”

 

Se poteste scegliere di impersonare un pg di fantasia chi vorreste essere e perchè?

Direi che vale la stessa risposta di prima: per i maschietti del gruppo niente di meglio che un giovane ed aitante Pilota di Robot!. Poi ognuno può farcire la risposta con il robot che preferisce, ma il concetto è quello!.

Giorgia : “Per quanto mi riguarda il mito rimane sempre lei : Creamy ha sempre un posto speciale in classifica… Ecco, forse anche nella classifica di qualche maschietto!.”

 

Le vostre performance sono un connubio di musica ma anche animazione, più che esibizioni si può parlare di spettacolo?

Hai detto bene “spettacolo”, ci piace pensare alle nostre esibizioni come qualcosa in più che a un semplice concerto di sigle, che poi ci si riesca sempre è un altro paio di maniche!. Per questo oltre alle canzoni che hanno fatto la storia dell’animazione, fanno capolino sul palco, in divertenti rivisitazioni, molti di questi stessi eroi che danno vita a gag esilaranti e siparietti improbabili per grandi e piccini, interagendo con la band in quanto tale e spesso con il pubblico presente. Letteralmente, ci si è aperto un mondo quando abbiamo scoperto il cosiddetto “Cosplay” nel 2004, e siamo riusciti (con il tempo!) a costruire un percorso in cui la musica si interseca con lo spettacolo. I nostri due animatori sono a tutti gli effetti dei cosplayer, ma durante lo spettacolo capita anche ai cantanti o ai musicisti di indossare a loro volta imbarazzanti costumini propedeutici al pezzo. Se volete farvi del male e avere per maggiori informazioni a riguardo vi rimando al sito della nostra cantante http://www.giorgiacosplay.com, campionessa mondiale ed esperta conoscitrice del fenomeno.

 

 

Un simpatico anedotto che potete raccontare durante i vostri live?

Giustappunto, ce lo raccontavamo in questi giorni: durante un concerto pomeridiano, dopo una serie di pezzi piuttosto espliciti (del tipo Capitan Harlock – Goldrake Ufo Robot – Daitarn), si avvicina una signora di mezz’età, un po’ dinoccolata – temo per colpa di una sovrastimata resistenza all’alcool – e chiede con ingenua familiarità se potevamo per cortesia suonarle della salsa.

 

In cosa e dove vi vedremo impegnati nei prossimi mesi?

Dal momento che siamo in 8 e che, per il tipo di spettacolo, abbiamo bisogno di un certo spazio, l’inverno è effettivamente il periodo in cui siamo più fermi. Con l’estate si aprono porte, finestre e possibilità, per cui ci vedrete in diverse situazioni all’aperto: feste di paese (per lo più nei dintorni di Mantova, ma ci è capitato di girare parecchio nel Centro e Nord Italia), fiere di varia natura, esibizioni esclusive in località turistiche (abbiamo il Lago di Garda molto comodo e ci è successo di essere inseriti in contesti di questo tipo). Giusto per citare i più vicini: sabato 12 maggio saremo a Rodigo (MN) e domenica 13 a Bologna presso la Sesta Festa del Sorriso. Il 2 giugno a Novegro (Mi) in concomitanza del Festival del Fumetto e altre date sono invia di definizione;sul sito ufficiale e sull’ormai usatissima pagina Facebook delle Canne troverete di cui saziare le vostre curiosità!.

 

 

Dove possono avere vostre info i nostri lettori?

Il sito ufficiale ospita un po’ di informazioni generali e le date dei concerti: www.cannedisampei.com
Ultimamente, per ovvie ragioni, la pagina su Facebook sta prendendo sempre più importanza: ci trovate su http://www.facebook.com/pages/Canne-di-Sampei/242694785028

Passate a fare un saluto!.

 

Volete ringraziare o salutare qualcuno?

Ciao Mamma! Ah, e volevamo salutare tutti quelli che ci conoscono!  😉

 

Veronica Lisotti: Google+

Commenta questo articolo